Lo standard ENCI - Allevamento weimaraner

Vai ai contenuti

Lo standard ENCI

FCI Standard N° 99 /04.12.1998
WEIMARANER

ORIGINE:  Germania

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 27.02.1990


UTILIZZAZIONE:  Cane da caccia versatile; cane da ferma


CLASSIFICAZIONE F.C.I.   Gruppo 7 Cani da ferma continentali
Sezione 1.1 Cani da ferma continentali, Tipo
Bracco Con prova di lavoro

BREVE CENNO STORICO

Vi sono numerose teorie sull’origine del Weimaraner. L’unica cosa certa è che, dal primo terzo del 19° secolo, questo cane, che aveva molto sangue limiere nelle vene, era allevato alla corte del duca di Weimar. Verso la metà del secolo, prima dell’inizio dell’allevamento come razza pura, l’allevamento del Weimaraner era quasi esclusivamente nelle mani di cacciatori professionisti e di forestali nella Germania centrale, soprattutto nella regione di Weimar e in Turingia. Poiché l’epoca gloriosa dei limieri era passata, questi cani furono incrociati con gli “Hühnerhund”, e l’allevamento procedette con i risultati di questi accoppiamenti.
Dal 1890 circa, la razza è sottoposta ad un allevamento pianificato e controllato dall’iscrizione in un Libro Origini. A fianco del cane da ferma Weimaraner a pelo raso, apparve, dall’inizio del secolo, una varietà a pelo lungo che però non si diffuse molto. Dopo che il Weimaraner è stato iscritto in un libro origini ed allevato come pura razza, sono stati evitati incroci con altre razze, e specialmente con i Pointer.
Essendo allevato come razza pura da circa cento anni, il Weimaraner è verosimilmente il più antico dei cani da ferma tedeschi.

ASPETTO GENERALE

Cane da caccia da media a grossa taglia. Tipico cane da lavoro, di belle forme, nervoso e con forti muscoli. Dimorfismo sessuale facilmente distinguibile.

PROPORZIONI IMPORTANTI

-Proporzioni per la lunghezza della testa: un po’ più lunga dal tartufo allo stop che dallo stop alla cresta occipitale
-Proporzioni dell’anteriore: la distanza dal garrese al gomito è quasi uguale a quella dal gomito a metà metacarpo.

TEMPERAMENTO E CARATTERE

Versatile, facile da addestrare, vigoroso e appassionato cane da caccia. Tenace nella circa sistematica, ma non troppo vivace. Di ottimo fiuto. Svelto nel rintracciare la selvaggina e altre prede, come pure nel compiere il lavoro dell’uomo, ma mai aggressivo. Affidabile cane da ferma e di lavoro nell’acqua. Notevole inclinazione al lavoro dopo lo sparo.

TESTA
REGIONE DEL CRANIO
Cranio: in armonia con la taglia del cane e le dimensioni del muso. Più largo nei maschi che nelle femmine, ma nei due sessi la larghezza del cranio resta sempre in proporzione alla lunghezza della testa. Fronte con sutura metopica; cresta occipitale da poco a mediamente pronunciata. Arcata zigomatica ben visibile dietro gli occhi.
Stop: pochissimo marcato

REGIONE DEL MUSO
 
Tartufo: grande, sopravanza la mascella inferiore. Color carne scuro, sul retro tende gradatamente al grigio
Muso:  lungo e, particolarmente nei maschi, potente. Visto di profilo sembra squadrato. La parte della mascella che porta i canini e quella che porta i molari, sono ugualmente potenti. Canna nasale diritta, spesso montonina, mai concava.
Labbra:  moderatamente pendenti, color carne, come le gengive. Leggera commessura.
Mascelle/Denti: mascelle forti. Dentatura completa, regolare e potente. Incisivi che combaciano completamente (chiusura a forbice)
Guance: muscolose e nettamente delineate. Precisamente una “Testa asciutta”
Occhi: da ambra chiaro ad ambra scuro, con espressione intelligente. Blu cielo nei cuccioli. Rotondi, posizionati un po’ obliquamente. Palpebre ben aderenti.
Orecchi: larghi e piuttosto lunghi, arrivano all’incirca alla commessura labiale. Attaccati alti con base stretta, hanno estremità leggermente arrotondate. In attenzione sono leggermente girati in avanti e piegati.

COLLO

D’aspetto e portamento nobile, la sua linea superiore è leggermente arcuata. Muscoloso, quasi cilindrico, non troppo corto, asciutto. Diventa più forte verso le spalle e s’inserisce armoniosamente nella linea dorsale e nel torace.

CORPO

Linea superiore: dal collo arcuato, con un garrese ben marcato, si unisce gradatamente al dorso che è relativamente lungo e saldo.
Garrese ben pronunciato.
Dorso saldo e muscoloso, senza insellatura, non sopraelevato nella sua parte posteriore. Un dorso un po’più lungo non è un difetto, ma fa parte delle caratteristiche specifiche della razza.
Groppa: bacino lungo e mediamente obliquo.
Torace: possente, ma non esageratamente largo; sufficientemente disceso.- arriva quasi a livello del gomito – e sufficientemente lungo. Ben cerchiato senza essere a botte. Le costole sono lunghe e lo sterno è ben marcato.
Linea inferiore: risale leggermente, ma il ventre non è troppo retratto.

CODA
attaccata un po’ bassa, al di sotto della linea dorsale, più bassa che nelle altre razze simili. La coda è potente e ben fornita di pelo. A riposo pende, in attenzione e in movimento è portata orizzontalmente o anche più su.

ARTI
ANTERIORI
In generale “alti”; asciutti, diritti e paralleli, ma non troppo distanziati.
Spalla lunga e obliqua. Ben aderente. Potentemente muscolosa. Buona l’angolazione dell’articolazione scapolo-omerale.
Braccio obliquo, sufficientemente lungo e forte.
Gomiti: liberi e posizionati parallelamente al piano mediano del corpo. Non deviati in dentro né in fuori.
Avambraccio lungo e diritto e verticale
Carpo potente e saldo.
Metacarpo nervoso e leggermente obliquo
Piedi anteriori potenti e forti. Paralleli all’asse del corpo. Dita ben chiuse e arcuate. Le dita mediane, più lunghe, sono caratteristiche della razza, e quindi non costituiscono un difetto. Unghie da grigio chiaro a grigio scuro. Cuscinetti ben pigmentati, fermi.

POSTERIORI

In generale “alti”, asciutti, molto muscolosi. Paralleli, non deviati né in dentro né in fuori.
Coscia sufficientemente lunga, potente e molto muscolosa.
Ginocchio forte e saldo.
Gamba lunga, con tendini ben visibili.
Garretto potente e saldo.
Metatarso asciutto, in posizione quasi verticale.
Piedi posteriori potenti e compatti, senza speroni. Per il resto simili agli anteriori.

ANDATURA

il movimento è sciolto e ricopre molto terreno. Anteriori e posteriori si muovono paralleli gli uni agli altri. Il galoppo è lungo e piatto. Al trotto la linea dorsale rimane orizzontale. L’ambio è indesiderabile.

PELLE
solida. Ben aderente, ma senza esagerazione

MANTELLO

Pelo corto ma più lungo e fitto che in altre razze simili), forte, molto fitto, liscio e ben adagiato. Senza o con sottopelo molto scarso

COLORE
grigio argento, grigio capriolo o grigio topo, come pure tutte le sfumature intermedie fra queste tinte. La testa e gli orecchi generalmente un po’ più  chiari. Macchie bianche non sono ammesse che in minima misura al petto e alle dita. Talvolta, al centro del dorso, c’è una striscia scura più o meno marcata, detta “riga d’anguilla”.

TAGLIA

Altezza al garrese: Maschi 59 –70 cm (altezza ideale da 62 a 67) Femmine 57– 65 cm (59 - 63)
Peso Maschi circa 30 – 40 kg  Femmine circa 25 – 35 kg








Torna ai contenuti